Termini architettonici

INDIETRO

Elenco termini architettonici

Abaco

Abside

Acanto

Agorà

Ambone

Ambulacro

Anfiprostilo

Ansa

Antis

Arcata

 

Archetto

Architrave

Archivolto

Arco


A

Abaco

Una delle due parti, quella superiore, che forma il capitello di stile dorico.

Abside

Parte terminale di una navata all’interno di una tipologia basilicale. In genere ha forma semicircolare o poligonale, e fuoriesce dal perimetro rettangolare della navata. È coperta da una semicupola, detta conca o catino absidale. Nel caso presenta cappellette disposte sul perimetro viene definita lobata.

Acanto

Pianta rustica con foglie frastagliate, presa a modello per la decorazione del capitello dorinzio.

Agorà

La piazza principale nella città greca, in genere circondata da portici coperti.

Ambone

Elemento della chiesa, consiste in una tribuna rialzata, alla quale si accedeva mediante una scala, utilizzata per le letture evangeliche. Viene anche definita "pulpito" o " "pergamo".

Ambulacro

Nell’architettura romana indicava un lungo corridoio coperto. Nell’architettura romanica e gotica indica lo spazio, a forma di U, percorribile dietro il corodetto, detto anche "deambulatorio".

Anfiprostilo

Termine usato per definire la tipologia di tempio classico che presenta le colonne su entrambi i lati corti.

Ansa

Rientranza di forma concava.

Antis

Le ante sono dei prolungamenti esterni dei muri, che fuoriescono dal perimetro per definire uno spazio semichiuso antistante l’ingresso. Con il termine "in antis" si definisce pertanto una tipologia di tempio classico dove le colonne poste sulla facciata sono racchiuse dai prolungamenti dei muri perimetrali longitudinali.

Arcata

Apertura a forma di arco pratica in un muro.

Archetto

Motivo decorativo utilizzato soprattutto dall’architettura romanica e che consiste in una serie di sporgenze dello spessore del muro sagomate come tanti piccoli archi affiancati. Dato che non forano lo spessore del muro vengono anche definiti "archetti cieci".

Architrave

Termine che oggi, con dizione più moderna, viene definito semplicemente "trave": indica gli elementi costruttivi rettilinei posti su due pilastri o colonne per formare un portale.

Archivolto

L’elemento curvo, spesso associato all’architrave, che completa la tipologia di portale utilizzato nell’archiettura romana e medievale.

Arco

Elemento strutturale caratterizzato da un andamento a linea curva, tale da evitare sollecitazioni di trazione al suo interno. Può essere costituito da un materiale continuo (conglomerati cementizi) o a blocchi separati (pietre o mattoni) nel qual caso gli elementi costitutivi dell’arco prendono il nome di conci. L’arco può avere geometrie diverse, nel qual caso prende anche nomi diversi. L’arco a tutto sesto ha un profilo corrispondente ad un perfetto semicerchio. L’arco a sesto ribassato è invece una porzione di arco corrispondente ad un angolo inferiore a 180°. L’arco a sesto rialzato è formato da due archi che si incontrano al vertice formando un angolo acuto. L’arco ellittico ha il profilo corrispondente ad una mezza ellissi. Di forma simile è anche l’arco policentrico, che ha una curvatura più larga al centro e più stretta sull’imposta. L’arco a ferro di cavallo, anche detto moresco, ha una forma corrispondente ad un angolo superiore a 180°. L’arco rampante ha invece i punti di imposta ad altezze differenti.