Donne di Algeri

INDIETRO

indice

Romanticismo

Delacroix


Eugene Delacroix, Donne di Algeri, 1834

Il quadro è uno degli esempi più noti di quella moda legata al fascino dell’oriente arabo, che ritroviamo in Europa nella prima metà dell’Ottocento. È uno dei tanti momenti compresi nel termine "esotismo", ad indicare suggestioni che l’ambiente culturale europeo prendeva da altre culture non europee. In seguito giunsero altri "esotismi" ad entusiasmare gli intellettuali ed artisti europei, quali l’arte del Giappone o delle culture primitive africane, ma in questo momento è soprattutto quel mondo arabo sensuale e raffinato da "Mille e una notte" ad incuriosire e attirare gli artisti europei, e non solo di formazione romantica come ci è attestato dalla produzione di Ingres. Delacroix effettuò nel 1832 un viaggio in Africa dove visitò il Marocco e l’Algeria. Proprio in quest’ultimo paese ebbe l’opportunità di visitare segretamente l’harem di un importante funzionario arabo. E qui prese lo spunto per il quadro "Donne d’Algeri", che gli serve per rappresentare tutta la carica di indolente sensualità colta non solo negli atteggiamenti delle donne, ma anche nei tessuti, nelle raffinate decorazioni, nei profumi e così via. Il quadro, a differenza di altre opere di Delacroix, non suscitò scandalo, ma ebbe un’accoglienza entusiastica al Salone e fu acquistato dal re Luigi Filippo, benché Delacroix non fosse intenzionato a venderlo.