ARTE MINOICO-MICENEA

PARAGRAFI

Arte cretese

Arte micenea

OPERE

Suonatore di lira

Affreschi minoici

Brocchetta di Gurnià

Ori micenei

INDIETRO

indice

Arte cretese

Mentre in Egitto si sviluppava una delle più grandi civiltà del mondo antico, nel Mediterraneo orientale una diversa cultura artistica sorgeva in alcune isole e in alcuni territori della penisola greca.

Fu soprattutto dall’isola di Creta che vennero le più originali novità, ed è qui che si sviluppa quella cultura figurativa definita anche «minoica» dal nome del mitico re Minosse.

Le prime manifestazioni si datano al 2.500 a.C., quando in Egitto sono già sorte le grandi piramidi. Da questa data, la periodizzazione più diffusa dell’arte cretese individua tre principali periodi:

  • periodo prepalaziale (o minoico antico): dal 2.500 al 2.000 a.C.

  • periodo dei primi palazzi (o minoico medio): dal 2.000 al 1.700 a.C.

  • periodo dei secondi palazzi (o minoico tardo): dal 1.700 al 1.350 a.C.

La periodizzazione, come si desume anche dai nomi, viene riferita alla datazione dei grandi palazzi che caratterizzavano la vita civile dell’isola. In pratica, a partire dal 2.000 a.C., nell’isola sorsero grandi complessi architettonici, la cui morfologia era molto varia e articolata: essi si componevano di centinaia di ambienti tra loro connessi da passaggi, corridoi e cortili che dovevano avere l’aspetto di un labirinto. Da questi palazzi, così complessi, nacque forse il mito del labirinto di Creta, costruito da Dedalo, e nel quale Minosse nascose il Minotauro, mostro metà toro e metà uomo.

Oltre a quello di Cnosso (il più famoso) altri palazzi sorsero nell’isola: quelli di Festo, di Haghia Triada, di Mallia. I primi palazzi furono probabilmente distrutti da un terremoto che avvenne intorno al 1.700 a.C. La loro ricostruzione dà l’avvio al periodo del minoico tardo che finisce con la conquista dell’isola da parte delle popolazioni micenee.

Rispetto all’antico Egitto, a Creta si sviluppò una civiltà dai caratteri più liberi e fantasiosi, meno condizionata da poteri forti, e, forse, data la sua condizione insulare, meno angosciata da guerre e da saccheggi, e quindi meno oppressa dalla militarizzazione della propria società. La vita si svolgeva nei grandi palazzi, che avevano la dimensione di un intero villaggio. Qui l’architettura aveva innanzitutto il compito di plasmare l’habitat di vita. E lo faceva senza forzature eccessive. La composizione dell’edificio avveniva adattandosi al luogo, con varietà planimetrica ed altimetrica, sconosciuta, ad esempio, all’architettura egizia o sumera.

Le costruzioni egizie erano improntate ad un criterio compositivo che ebbe alterna fortuna nella storia dell’architettura: la simmetria. Una costruzione simmetrica ha un asse verticale che divide l’edificio in due parti esattamente uguali. Al pari del corpo umano, un edificio simmetrico ha la parte destra uguale a quella sinistra.

Gli edifici egizi si impongono sul paesaggio circostante. Essi sono un segno ben visibile dell’intervento umano, teso a modificare l’aspetto del territorio. A differenza degli edifici egizi le costruzioni cretesi presentano tutt’altra concezione: evitando qualsiasi imposizione di simmetria – che costringerebbe a fare una metà dell’edificio uguale all’altra – i palazzi cretesi si inseriscono nel paesaggio con naturalezza ed organicità. Di dimensioni mai eccessive, ma proporzionate alle funzioni che devono svolgere, questi palazzi hanno una immagine varia e movimentata.

La loro decorazione presenta poi un carattere di assoluta novità: non si affida alla decorazione plastica di sculture a tutto tondo o a basso rilievo inserite in parti dell’edificio, ma al colore delle superfici. Non solo le pareti interne sono decorate con affreschi dai toni vivaci, ma anche le parti esterne dell’edificio, quali le colonne, sono arricchite di colorazioni intense. A differenza dell’architettura egizia, che cerca di impressionare per la maestà e la grandiosità delle proporzioni, l’architettura cretese si presenta con caratteristiche di maggior intimità a dimensione di una serena e quasi gioiosa fruibilità.

In questi palazzi, l’arte figurativa giocava un ruolo, fino ad allora, inedito: quello della decorazione. Le immagini, cioè, non venivano utilizzate per rappresentare concetti da comunicare, come nell’arte egiziana, ma venivano utilizzate per abbellire i luoghi di vita. E, quindi, il carattere richiesto ad un’arte così intesa, è, ovviamente, la bellezza. Il fine è quello del godimento estetico. Fu proprio in questo momento, che nacque il concetto che arte è sinonimo di bello. Concetto poi trasmesso all’arte greca, e di qui, giunto fino a noi, anche se più come preconcetto, visto che, oggi, non coincide, se non a livello popolare, con in nostro giudizio sull’arte.

L’arte cretese, rispetto a quella egiziana, appare più libera e spontanea. Ha caratteri di freschezza rappresentativa, che riescono a cogliere la realtà con immediatezza e felice sintesi. È un arte, quindi, di tipo naturalistico, anche se non esente da qualche tecnica antinaturalistica. Le figure si affidano soprattutto al disegno della linea di contorno; i colori sono stesi senza effetti chiaroscurali, ma con campiture uniformi e vivaci, che finivano per esaltare il valore decorativo, rispetto a quello mimetico, di queste immagini.

L’arte, sia come architettura che come pittura, nella cultura cretese, appare come un’unica attività tesa al bello. Nel suo caso, arte e artificio tendono a coincidere, in quanto tutta la produzione umana viene a soddisfare la identità domanda di qualità.

Arte micenea

Mentre sull’isola di Creta di sviluppa il tardo minoico, sulla penisola greca una nuova civiltà acquista importanza in campo artistico: è quella «micenea», così definita dalla città di Micene che per prima fu riscoperta nel 1874 dal famoso archeologo Heinrich Schliemann. In questo centro, come in quello di Tirinto e di altre città del Peloponneso, si sviluppò quella civiltà che diede i natali agli eroi omerici protagonisti della guerra contro Troia.

La civiltà micenea, come quella cretese, viene suddivisa in tre periodi principali:

  • miceneo antico: dal 1.800 al 1.500 a.C.

  • miceneo medio: dal 1.500 al 1.400 a.C.

  • miceneo tardo: dal 1.400 al 1.100 a.C.

La cultura artistica micenea subì grandi influenze da quella cretese, ma notevoli sono anche le differenze.

Nell’architettura, il carattere aperto e disordinato dei palazzi cretesi, a Micene, non si ritrova. I centri continentali non hanno le naturali difese che ha un’isola, così che le città devono avere strutture più solide e adatte alla difesa. Pur non ricorrendo alla grandiosità dell’architettura egizia, le costruzioni micenee sono improntate ad un severo senso di robustezza e gravità. Gli edifici, realizzati con conci di pietra a vista di grosse dimensioni, denunciano già nel loro aspetto il carattere di forza e inaccessibilità.

I palazzi micenei, posti in posizione dominante su alture circondate da mura, hanno quindi un aspetto più regolare ed ordinato rispetto a quelli cretesi. Al loro interno sorgeva un ambiente, chiamato megaron, che aveva una conformazione singolare. Al centro sorgeva un grande camino circondato da un quadrato di quattro colonne. L’ambiente era preceduto da due vestiboli, il primo dei quali era aperto sul lato anteriore presentando due colonne in facciata. Dalla forma del megaron miceneo deriva probabilmente la tipologia del tempio greco classico.

Ma l’architettura micenea mostra altri caratteri di novità: essa comincia a sperimentare la resistenza delle strutture curve, ma lo fa in modo ancora incerto. Gli archi e le volte di alcuni suoi edifici sono in realtà pseudo-archi e pseudo-volte in quanto gli elementi costruttivi non si sorreggono per mutuo contrasto, ma sono leggermente aggettanti uno rispetto all’altro, e scaricano il peso secondo linee di forze verticali. Di particolare interesse è soprattutto la famosa Tomba di Agamennone, anche chiamata Tesoro di Atreo, costituita da un tholos a pseudo-cupola.

In campo figurativo poche sono le differenze rispetto alla civiltà cretese, anche se manca spesso il carattere di gioiosa libertà creativa di quest’ultima. Notevole è soprattutto la lavorazione dell’oro, utilizzato spesso per un insolito uso: ricoprire di una lamina dorata i volti dei defunti.

Ma la civiltà micenea, rispetto a quella minoica, è maggiormente influenzata dagli «eroi»: quei principi achei che, tra l’altro, hanno combattuto la guerra contro Troia. L’esaltazione dell’eroe guerriero, trovò la sua forma di rappresentazione preferita nei canti poetici. In quella lenta elaborazione delle forme di scrittura e recitazione, da parte di aedi e rapsodi, che portò, alcuni secoli dopo, ai poemi omerici. Inizia, in questa fase, l’uso della parola in forma artistica. L’espressione verbale, rispetto ad altre, rimane più legata ad una immediata percezione del contenuto. L’elaborazione dei carmi eroici, portò invece a perfezionare quelle tecniche di scrittura, in particolare la metrica, dando alla poesia il suo valore di forma estetica.

In questo momento, in una cultura occidentale, le parole, anche nell’arte e non solo nella comunicazione, acquisirono maggior importanza rispetto alle immagini. La successiva cultura greca, erede delle civiltà minoico-micenea, sviluppando la filosofia ha di fatto ulteriormente accentuato la distanza tra immagini e parole, tramandandola a tutta la cultura occidentale.